Gemütlichkeit

Qualche giorno fa la nostra insegnante ci ha illustrato il significato di una parola: Gemütlichkeit.

Con questo termine, intraducibile in italiano, si intende quel sentimento di comodità, comfort, calore e socievolezza a quanto pare molto gradito agli autoctoni. Esistono parole equivalenti anche in qualche altra lingua, spesso derivate da quella tedesca .

Può essere Gemütlich una cena a lume di candela, lo stare sotto una coperta a leggere un libro, una festa di paese… insomma ci siamo capiti. Quando si è pervasi da questo stato d’animo, ci si dimentica dei problemi e ci si gode le piccole cose piacevoli della vita. Una cosa che, guarda caso, ricorda un pò il concetto di consapevolezza del Buddismo.

A dire il vero, a noi piaceva molto già prima di sapere come si chiamasse…

Ciao,

Federico & Ale.

Annunci

Kastanienallee

Questo è uno spezzone del film “Die Ex bin ich” che ho visto ieri in tv. Non ho capito moltissimo, il mio tedesco è ancora pessimo, ma è stato bello imparare qualcosa del palazzo più pittoresco della strada che percorriamo ogni giorno.

Appunto perchè il mio tedesco fa schifo, adesso vado a studiare un pò.

Viele Gruße,

Federico.

Fatti di capasotta

A parte il concerto “discutibile” che abbiamo ascoltato qui, questo è davvero un grande posto.

Sta a Kreuzberg e si chiama Madame Claude (Lübbener str. 19).

Tornando al discorso del concerto,  non tutti possono svegliarsi la mattina pensando di fare Santa Joanna Newsom o le Ss Cocorosie. Forse il problema è che ormai chiunque può salire su un palco facendo qualunque stronzata e cantando in maniera stonata, ma nessuno dice niente per non fare la figura di quello che non capisce il minimalismo post-folk.

buona giornata,

Federico.

Riesen (ovvero le marionette giganti)

Forse non ci si emozioniona più con i giochi per una questione di dimensioni. Quando si è piccoli l’orsetto formato maxi della Rinascente è più alto di noi, quindi l’effetto è qualcosa di sconvolgente. Adesso non ci fa più più lo stesso effetto non perchè siamo diventati grandi, più maturi, più disillusi… è tutta una mera questione di dimensioni.

Grazie Royal de Luxe 🙂