Immer dasselbe Theater…

… ovvero le nostre risposte standard da ora in avanti alle FAQ:

1- Si che ci manca la famiglia, cani e gatti, amici, sole, pizza e le partite del Napoli. Purtroppo in Campania esiste la disoccupazione giovanile al 32,5%, l’impossibilità di creare un’attività imprenditoriale, un tessuto sociale disgregato, l’apatia cronica miscelata ad un idota cinismo di molti miei coetanei. E se l’alternativa è Milano, scusateci, preferiamo andare in un altro paese.

2- Si, lo sappiamo che Berlino ha un elevato tasso di disoccupazione, però era l’unica città tedesca che potevamo permetterci per imparare una nuova lingua. Inoltre è un posto dove non manca la richiesta di lavoratori qualificati. E se non dovessimo trovare un lavoro qui, o in Germania, andremo da un’altra parte.

3- Lo sappiamo che il tedesco è difficile, però conoscere una cosa che sanno in pochi ha più valore di una cosa che conoscono in tanti. É l’economia, baby.

4- E’ vero che i Berlinesi sono sprucidi. Però sono mediamente più civili di noi. Qui si possono vedere in giro coppie gay o lesbiche senza che nessuno abbia un niente da ridire. Cosa che succede spesso da noi. E spesso e volentieri ci sono anche aggressioni. E l’indifferenza (e talvolta il deliberato odio per il prossimo) che ho osservato in molte città italiane nelle quali ho vissuto, qui non l’ho ancora vista. E per ora va bene così.

5- No, per favore, non chiedeteci per la milionesima volta di Berlusconi. Non l’abbiamo votato noi. Lo sappiamo benissimo che piace alla maggior parte degli Italiani. E se una cosa idiota piace alla maggioranza delle persone, non cessa di essere una cosa idiota.

6- Si, da noi c’è la Mafia. Però esiste anche la Ndrangheta che investe tanti soldini in Germania. E se non vi svegliate in tempo sono cavoli anche vostri. E voi avete anche i Tokio Hotel.

7- No, non abbiamo ancora un lavoro, la priorità n.1 è lo studio della lingua. Dopo maggio vedremo.

8- No, cavolo, non mi manca il non avere idea di cosa cavolo fare ogni sera perchè non c’è una ceppa di niente da fare.

9 – No, non potevamo spendere meglio i nostri dindini.

10 – No, credo proprio che non torneremo più indietro. Au revoir!

Nuovo anno, cominciamo a sentire la mancanza del sole.

C’eravamo lasciati per le feste di Natale ed abbiamo un pò abbandonato il blog. Rinvigoriti dal discorso di fine anno del Presidente della Repubblica, siamo tornati nelle desolate lande germaniche a combattere contro il Generale Inverno e la sintassi del periodo del tedesco. Pare che l’unico a sentirsi a proprio agio con queste temperature sia Knut, l’orso bianco dello Zoo. Particolari nuove avventure da raccontare putroppo non ne abbiamo. Però abbiamo visto belle mostre, come quella su Don McCullin al C/O Berlin, e abbiamo trovato il coraggio di andare a visitare il Memoriale sull’olocausto.Torniamo a giocare con i pinguini, a presto!

Federico & Ale